Verticale di Vin Santo

verticale Vin Santo Barattieri

24 feb Verticale di Vin Santo

L’ Associazione Villa Barattieri, in collaborazione con Osteria e Vineria “Il Borgo”, propone una degustazione verticale di VinSanto Albarola Barattieri con l’amico sommelier Luca Bersani.

Per l’occasione si degusteranno le annate di VinSanto: 1988, 1998, 2000, 2004, 2005, quest’ultimo in anteprima assoluta.

In abbinamento ai vini un orologio di formaggi proposto da Osteria e Vineria Il Borgo, di seguito il patè di fegatini al Vinsanto e Malvasia di Candia Aromatica. Per concludere zabaione al VinSanto.

Vi aspettiamo il 4 marzo, il programma inizia alle 14.00 e, tempo permettendo,

  • visiteremo il vigneto di Malvasia Candia Aromatica con cui l’Azienda Barattieri produce il VinSanto
  • seguirà la visita alla Vinsanteria
  • per finire con  la degustazione di VinSanto nelle splendide sale della settecentesca Villa Barattieri.

Per informazioni contattare Massimiliano Barattieri 333/7215977

È gradita la prenotazione

____________________

E per chi non conosce la leggenda del Vin Santo, la riproponiamo con le parole del Conte Otto Barattieri di San Pietro.

LA LEGGENDA DEL VIN SANTO

“Questa storia è sempre stata raccontata in famiglia. A me sembra una storia verosimile…ve la racconto così come l’hanno raccontata a me quando ero bambino e lascio a voi la libertà di crederci o no!”
Conte Otto Barattieri di San Pietro

Il giorno spuntava in una mattina brumosa e fredda di un gelido inverno.

Il malato, nel letto, bianco ed esausto per la febbre alta, sussultava e  tossiva continuamente.

A quei tempi non c’era scampo per un malato di polmonite. Il prete era già venuto a somministrare l’estrema unzione, il medico non dava speranze. L’unica cosa che la famiglia poteva fare era pregare in silenzio.

Ogni tanto qualcuno chiedeva, sommessamente, se volesse qualcosa da bere o da mangiare…ed egli, con voce flebile, chiese il Vin Santo di Albarola.

Non c’erano controindicazioni, niente avrebbe potuto nuocergli oramai. Quindi si decise di soddisfare il malato.

Una delle preziose bottiglie fu portata nella casa dell’ammalato il quale…se la bevve tutta! Ne seguì una sbornia che perdurò tutta la notte…

L’indomani, al suo risveglio, il malato era guarito, tra la felicità della famiglia!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.